agosto 28, 2015 0 Comments Cosa fare, Shopping

Sarà un bel souvenir…dal Lago di Como!

Un souvenir è, per definizione, un oggetto-ricordo, o meglio un oggetto che ci ricorda luoghi, momenti, paesaggi, emozioni…vacanze! Ci lasciamo colpire dalle cose più disparate, ma poco importa cosa finiremo per comprare, l’importante è che quel nuovo oggetto che finirà in casa nostra risvegli in noi vivide emozioni vissute in posti lontani.

Sicuramente anche il classico magnete da frigo, la palla di neve, o la maglietta con la scritta Como Lake rientrano a pieno titolo nella categoria di souvenir, e ci sono persone che vanno matte per questo tipo di oggetti. Anche a me non dispiacciono, ma il souvenir con la S MAIUSCOLA è quel prodotto che nasce in un determinato luogo e che ad esso è fortemente legato…è quell’articolo talmente impregnato di artigianalità e tradizione da rievocare, in modo inequivocabile, la terra da dove proviene.

E durante una vacanza sul Lago di Como cosa comprare?? Io direi:

1#  Un articolo di seta; sicuramente! Como è stata per molti anni il centro più importante per la produzione di seta nel mondo, vanta una lunga tradizione in questo settore e detiene il titolo di “capitale mondiale della seta”. Si dice che il tutto sia iniziato grazie al signor Pietro Boldoni di Bellano e stiamo parlando del 1510.

Fu il primo ad aprire un’industria della seta a Como. E a testimoniare ulteriormente l’importanza del settore ci sono il Museo della Seta (a Como) e il Civico Museo Setificio Monti (a Abbadia Lariana), da visitare se volete conoscere questo affascinante mondo più da vicino. In ogni caso, che il vostro acquisto sia una cravatta, un foulard, una sciarpa o un vestito, se sarà di seta avrete acquistato il souvenir per eccellenza!

souvenir lago di como

2#  Cibo! Sì, penso non esista niente di più autoctono e originale di un luogo del suo cibo, dei suoi prodotti alimentari, di quello che le persone del posto mettono nel piatto! A seconda di come è un territorio e di quello che ha da offrire cambiano, e di molto, i prodotti che finiscono in tavola…e visto che il Lago di Como è, prima di tutto (e per definizione) lago, ma certamente anche montagna, ecco i prodotti tipici da mettere nel carrello della spesa: formaggi (zincarlin, semuda, Lariano di capra, Lariano d’alpeggio, ricotta…solo per citarne alcuni), pesce (probabilmente il più “famoso”, e anche il più semplice da trasportare in un eventuale viaggio di ritorno, è il missultin), olio, miele, salumi nostrani (salame di testa, mortadella di fegato), farina per polenta e naturalmente dolci (braschinmiascia, resta…). Per gli appassionati non mancano poi birra e vino

Leggi anche I 5 prodotti tipici imperdibili del Lago di Como

3#  Prodotto in legno, perché anche la tradizione artigiana di questo settore è ben radicata in queste terre: in passato erano molti i carpentieri, i produttori di mobili più o meno pregiati o addirittura gli ebanisti; ma non di soli mobili è fatto il Lario :-)! Rinomati cantieri nautici (un tempo molti, oggi meno) hanno dato e danno vita a centinaia di splendide imbarcazioni, più o meno eleganti, che ancora vediamo scivolare sulle acque del lago. Tutto questo per dire che i lariani con il legno ci hanno sempre saputo fare!

Quindi, se volete esagerare, acquistare un mobile o una barca fatti da queste parti ha un suo perché, ma se metterete in valigia anche solo un modellino di Lucia (tipica barca del Lago di Como), in legno, meglio ancora d’olivo farete bingo lo stesso! Non c’è souvenir più azzeccato di questo…ovviamente andranno benissimo anche piatti, ciotole, taglieri, giocattoli, vassoi, cornici e chi più ne ha più ne metta.

Souvenir del lago di Como

4#  Un articolo in pizzo, se incontra i vostri gusti, può essere un’altra idea da prendere in considerazione. In questo caso la zona di produzione tipica è Cantù, una cittadina non distante da Como, ma non mancano anche sul Lario donne abili con il tombolo.

5#  E infine, un ultimo suggerimento, un po’ fuori dal coro: un bel acquarello di uno scorcio di lago. Vi ricorderà gli splendidi paesaggi visti da queste parti. Che è sempre un gran piacere 😉

Salva