aprile 18, 2016 0 Comments Cosa vedere, Ville

L’anima elegante e romantica di Villa Melzi a Bellagio

Sicuramente se avete visitato il Lago di Como o state per farlo, avrete già sentito parlare di Villa Carlotta, dei suoi giardini e della sua fioritura di azalee.

In effetti, va detto, da queste parti è la fioritura per eccellenza, quella con la F maiuscola, che attira ogni anno migliaia di visitatori. E senza dubbio è da vedere almeno una volta nella vita! Semplicemente meravigliosa, un tripudio di profumi e di colori. Rododendri arborei, azalee e camelie dipingono il giardino come fosse una tavolozza. E un glicine secolare forma una cascata color lilla da lasciare a bocca aperta. La primavera in questo orto botanico esprime il meglio di sé e si mostra in tutto il suo splendore.

Fatta questa doverosa premessa va detto anche però che Villa Carlotta è solo una delle numerose ville affacciate sulle rive del Lario. Partendo da Como e risalendo il ramo occidentale non c’è angolo in cui non sia possibile ammirare antiche dimore e giardini fantastici. Purtroppo la maggior parte di questi gioielli sono abitazioni private e ci si deve accontentare di contemplarle da lontano, magari scrutando al di là di imponenti cancelli e lasciando alla propria fantasia il privilegio di immaginare i loro interni. Ma non disperate! Oltre a Villa Carlotta altre 4 dimore sono aperte al pubblico. E tra queste, se amate i fiori e i giardini, l’altra che proprio non vi dovete perdere, soprattutto in primavera e in autunno, è Villa Melzi, a Bellagio.

Fatta costruire nel 1808 da Francesco Melzi d’Eril, vicepresidente della Repubblica Italiana al tempo di Napoleone, è oggi monumento nazionale.

L’atmosfera che vi aspetta in questo luogo è un giusto equilibrio tra romanticismo ed eleganza neoclassica. Io ci sono stata un pomeriggio di sole, in piena fioritura e ho scattato qualche foto. Vi assicuro che passeggiare a bordo lago tra alberi secolari, piante esotiche, pendii e prati costellati di azalee e rododendri è davvero rigenerante!

Gli interni della villa non sono visitabili, ci si deve accontentare del parco, ma è un bel accontentarsi! Facile capire come le atmosfere di questo giardino abbiano ispirato il musicista Lizst e lo scrittore Stendhal…

Villa Melzi, Bellagio

Villa Melzi, Bellagio

Villa Melzi, Bellagio

Villa Melzi, Bellagio

Villa Melzi, Bellagio

Villa Melzi, Bellagio

Villa Melzi, Bellagio

Villa Melzi, Bellagio

Villa Melzi, Bellagio

Curioso vedere sulla sponda opposta la sua “quasi gemella”, Villa Carlotta.

Villa Melzi, Bellagio

Melzi e Sommariva (l’allora proprietario di Villa Carlotta), in competizione per motivi politici, si sfidarono in una gara di abbellimento delle proprie dimore (che si arricchirono di opere d’arte di inestimabile valore) e dei loro giardini…e non possiamo che ringraziarli per questo, vedendo il risultato!  🙂

Salva


Share:
Tagged: